L’amore da lontano – parte VI

Laudatio temporis acti: riflessioni a mo' di prologo (ritardato) sulla superiorità della cortesia cavalleresca rispetto alla buia età moderna. Uno dei vantaggi maggiori dell'essere cavalieri consisteva nel poter godere dei privilegi che l'appartenza a tale casta garantiva; tra di essi figurava la generosità che nobili e compagni d'armi conservavano per i propri pari. L'ospitalità, la …

Leggi tutto L’amore da lontano – parte VI

La rara felicità

Siete mai stati a Castiglione delle Stiviere? Oh, io sì. Un posto ameno. Le colline su cui si arrampicano le borgate del paese sono declivi piacevoli, privi di quelle spezzature scoscese così caratteristiche dei monti di Lou Donn e del resto dell'inverso. Su uno di detti poggi, quello più centrale, sorgeva un tempo una rocca, …

Leggi tutto La rara felicità

Diario di guerra

Lo scopo della letteratura è trasformare il sangue in inchiostro (T.S. Eliot) Capitolo I: Massimo Coisson a sua madre Monte Vodice, 10 giugno Amatissima mamma, ti scrivo in risposta alla tua dopo un'intera giornata di dolore e sangue. Gli Austriaci hanno iniziato il contrattacco, sferrando maligni colpi alle nostre postazioni. Da due giorni nuvole di …

Leggi tutto Diario di guerra

L’amore di Ludovico

Fu solo davanti a quello specchio prezioso importato da Costantinopoli e incorniciato da avorio luccicante che Ludovico potè scorgere nelle proprie forme nude quanto fosse bello; quanto, cioè, quel viso paffuto, quelle braccia voluminose e muscolose e quel ventro grasso ricoperto di una peluria placida e umida per il bagno appena fatto lo rendessero attraente …

Leggi tutto L’amore di Ludovico

Il senso del futuro

Una volta  a Lou Donn vivevano un vecchietto col suo unico figlio. Il padre, increspato e sgualcito come tutti i vecchi, era caduto in povertà, così aveva ormai solo un'unica pecora che il ragazzo, il più giovane dei figli e l'unico sopravvissuto, pascolava con cura come se si trattasse di un intero gregge. Eppure, nonostante …

Leggi tutto Il senso del futuro

Il tesoro dei Saraceni

Le incursioni dei Saraceni furono frequenti in Val Chisone tra IX e X secolo. Risalendo dalla Provenza e dalla Liguria, doveva avevano le loro basi, i Saraceni saccheggiavano le vallate, valico dopo valico, passo dopo passo, spesso con la complicità di qualche signore locale, interessato ad indebolire i vicini di signoria. La toponomastica e le …

Leggi tutto Il tesoro dei Saraceni

Cos’è Lou Donn?

Borgata Don - Lou Donn nel patoua occitano della valle - è formata da una quindicina di abitazioni poste a mezzacosta, in pieno bosco; il comune è Inverso Pinasca, la valle è quella del Chisone, che da Pinerolo porta al Sestriere. Ripercorrerò la storia della borgata in altri interventi, qui basta dire che fino a …

Leggi tutto Cos’è Lou Donn?