Incatenati alla montagna

Oggi ho montato e smontato le catene da neve tre volte. Di per sé, una volta appresa la tecnica, la pratica aiuta a velocizzare l'operazione di srotolamento prima e di montaggio poi. Non è quello il problema. Il problema è quella fanghiglia nevosa che si deposita lungo tutta l'arcata della ruota (sì, avrà un nome …

Leggi tutto Incatenati alla montagna

Con l’acqua alla gola

Con l'acqua alla gola non puoi far altro che pensare alla prossima boccata, al prossimo movimento. Non c'è progettualità, non c'è futuro. Guardi il passo seguente e, già, sembra una prospettiva. La comodità è prevedibilità. Avere tutto sotto controllo consente di guardare oltre. Il futuro esiste solo potendolo plasmare secondo le proprie aspettative. Ecco perché …

Leggi tutto Con l’acqua alla gola

La fortezza Bastiani

Si aspetta un giorno, un inverno, una vita. Piccoli Giovanni Drogo che osservano l'orizzonte fatto di montagne, alberi stroncati dal freddo e strade spugnose. La neve commuta i tratti della frontiera. Si scruta e si aspetta. La fortezza Bastiani sembra addormentata, ma dentro brulica di lavori e preparativi, come certi formicai che sembrano abbandonati, ma …

Leggi tutto La fortezza Bastiani

E partì con un felafel in mano

Qualche settimana fa le rosse dune del Sahara sono state ricoperte di candida neve. Chissà se i beduini avranno cucinato canederli o polenta per commemorare l'evento. Questa sera, nel pieno della bufera di neve che ha investito Lou Donn, abbiamo mangiato couscous e felafel, immaginando che quella polvere fine e granulosa, anziché neve ghiacciata, fosse …

Leggi tutto E partì con un felafel in mano

Le braccia di Briareo

Uno dei gruppi di dei, semidei e mostri della mitologia classica che ho sempre preferito è quello degli ecatonchiri; forse per il nome, così complesso da pronunciare, così pieno di significato: i mostri dalle cento mani (e dalle cinquanta teste, ma questo il nome non lo dice). Non che questi mostri buffi facessero qualcosa di …

Leggi tutto Le braccia di Briareo

Repetita iuvant

Dieci cose di Lou Donn che ho già raccontato più e più volte e che si sono condensate tutte insieme in ventiquattro ore: Neve: nevica da ieri mattina; nevischio, neve, pioggia ghiacciata, neve ghiacciata, e poi di nuovo neve, granulosa, fine, batuffolosa, grassa e così via. Strada innevata: corollario inevitabile della neve; i due tornanti …

Leggi tutto Repetita iuvant

Napoleone

Si sa, Napoleone in Russia è stato sconfitto più dal generale inverno che non dal generale Kutuzov. L'errore di Napoleone fu quello di sottovalutare l'arrivo prematuro dell'inverno russo: prematuro per lui e i Francesi, non certo per i Russi. Ecco, novelli Bonaparte, abbiamo confidato nella mitezza di marzo, prevedendo un corto inverno, assaporando il sole …

Leggi tutto Napoleone

Sfaticati

Io un po' la capisco la neve che stamattina crollava, pesantissima, dal cielo, dissolvendosi come una bomba al contatto del suolo. Tra me, che ho aperto la porta in mutande per far uscire Bergère a passeggiare, e lei, che colpiva sfaticata la terra con stanchezza, non c'era grande differenza: alzarsi presto il sabato mattina per …

Leggi tutto Sfaticati

Inversione a U

L'atmosfera qui a Lou Donn è cambiata vertiginosamente in poche ore. Stamattina, al risveglio, tutto era ancora più imbiancato di ieri: il primo pensiero è stato di autocompiacimento: "menomale che abbiamo lasciato la macchina giù nel bosco"; infatti, per uno strano fenomeno metereologico, climatico, ambientale e fatale la differenza tra la borgata e il resto …

Leggi tutto Inversione a U

Alla sera

Al termine di certe giornate, faticose e odiose come non mai, la sera arriva sempre invocata; immagini la quiete che essa porta con sé, il riposo e la possibilità di meditare sul futuro e di rielaborare le preoccupazione del giorno cattivo. E invece no. Talvolta alla sera c'è ancora più da fare che durante il …

Leggi tutto Alla sera