Sapori rinascimentali

Distopia Tra il paese in cui sono nato io, in provincia di Mantova, e quello in cui è cresciuta Elena, vicino a Brescia, ci sono 40 km di distanza. Una sciocchezza. Eppure ci piace punzecchiarci a vicenda per le piccole differenze nel modo di parlare oppure per le abitudini culinarie. Cose così, innocenti. A me …

Leggi tutto Sapori rinascimentali

Poncho e il suo capo – Seconda parte

Ma che fare quando la consegna eccede la solita dimensione del pacchetto di libri? Quando, ad esempio, si tratta di far arrivare fino a casa un elettrodomestico? Solitamente l'acquisto di beni di grandi dimensioni è subordinato all'arrivo da Mantova del nostro uomo di fiducia e fatica, ossia mio papà. Perché, sì, trenta o quaranta chili …

Leggi tutto Poncho e il suo capo – Seconda parte

Poncho e il suo capo

Lou Donn non piace a postini e corrieri vari. La strada è stretta per i furgoni, senza dubbio. Ma sono pochi i corrieri che possono dire di conoscerla, giacché la maggior parte di loro si ferma molto prima, alla strettoia in borgata Vivian, o, addirittura, a quella specie di sottopassaggio con annessa curva a gomito …

Leggi tutto Poncho e il suo capo

Wake up alone

Oggi è finita l'estate a Lou Donn. A Lou Donn ci sono solo due stagioni, la cui durata è variabile ed imprevedibile. L'inverno artico del Donn inizia quando Maria e Paolo, i nostri vicini, se ne vanno, consegnandoci le chiavi della loro cassetta della posta e, idealmente, affidandoci l'esclusivo controllo della borgata. La loro partenza …

Leggi tutto Wake up alone

La grande avventura

"Scusi, ma non passa più il pullman per Perrero?" chiese l'uomo, con un fare drammatico e convulso. L'autista del Ducato blu, sporgendosi al finestrino di poco abbassato, fece intendere di non aver compreso le sue parole, roteando la mano in fianco all'orecchio; poi, dopo aver innestato le quattro frecce, scese dal mezzo, che apparentemente occupava …

Leggi tutto La grande avventura

Acidulo

Geopolitica Diceva Churchill che noi italiani abbiamo il triste vezzo di perdere le guerre come fossero partite di calcio e considerare le sconfitte nel football come batoste nei conflitti mondiali. Memori dell'atavica confusione tra il gioco del pallone e le guerre, noi italiani ci scandalizziamo per il sostegno dei giocatori turchi alla propria nazionale, ma, …

Leggi tutto Acidulo

Je suis accusé

Difensio petita Negli ultimi giorni, per merito di Uncem e del suo presidente Marco Bussone - che ringraziamo di cuore - la storia di noi di Lou Donn è diventata pubblica; o meglio, la storia di Enea, che lo scorso 2 settembre è venuto al mondo e, dopo qualche giorno d'ospedale, ha iniziato a far sentire i vagiti di …

Leggi tutto Je suis accusé

Il Salone, secondo me

A Supposedly Fun Thing I'll Never Do Again Il Salone del libro di Torino si è appena chiuso: grandi numeri per l'edizione del 2019. E grandi polemiche. Che, a loro modo, hanno contribuito alla riuscita della kermesse cultural-editoriale più attesa d'Italia. L'aver partecipato a due giornate su cinque della manifestazione mi fa sentire autorizzato a …

Leggi tutto Il Salone, secondo me

Il mostro a tre teste

Nella notte artica di Lou Donn si aggira un mostro. Come Cerbero, la creatura demoniaca ha tre teste, che agita spasmodicamente e rabbiosamente. Lo si può osservare da lontano, mentre, da belva quale è, veglia sui sentieri che si snodano sul crinale del Donn. Eracle e Cerbero Fidatevi: il mostro esiste. L'ha visto per prima …

Leggi tutto Il mostro a tre teste

Mad world

Eccezionale. Se c'è una parola che odio è eccezionale. È talmente fasulla. J. D. Salinger, Il giovane Holden Uno scrittore di mezza età famoso in tutto il mondo per il suo unico romanzo da 60 milioni di copie entra in un bunker di cemento costruito nel giardino di una villa sperduta nei boschi non lontani …

Leggi tutto Mad world