Il 9 giugno 1456

La strega che viveva nel tugurio sulla vetta della montagna lo aveva previsto quando ancora la terra era sotterrata da una fitta coltre di neve ghiacciata: "Passerà la cometa e porterà sventura. Armatevi, proteggete le greggi e chiudete le bocche ai piccoli, ché non piangano facendovi scoprire. Pregate, pregate il Dio in cui credete di …

Leggi tutto Il 9 giugno 1456

L’amore di Ludovico

Fu solo davanti a quello specchio prezioso importato da Costantinopoli e incorniciato da avorio luccicante che Ludovico potè scorgere nelle proprie forme nude quanto fosse bello; quanto, cioè, quel viso paffuto, quelle braccia voluminose e muscolose e quel ventro grasso ricoperto di una peluria placida e umida per il bagno appena fatto lo rendessero attraente …

Leggi tutto L’amore di Ludovico

Il ballerino della montagna

"In tutta la mia vita non ho fatto altro che camminare, camminare in montagna con lei". Iniziava sempre così le sue frasi quel vecchio pazzo che viveva lassù, dietro il fienile, ai  margini della borgata. Camminava e camminava, per ore, senza sosta. A memoria altrui il vecchio davvero non aveva fatto altro nella vita. Ma …

Leggi tutto Il ballerino della montagna

Le due donne

Tantissimi anni fa a Lou Don vivevano da dirimpettaie due donne: l'una, detta la Volpe, era malvista da tutte le femmine della borgata, perché aveva fama di essere una gran cacciatrice di uomini. Passava da un amore all'altro, piangendo e gemendo sinceramente ogni volta che una passione finiva. Volpe non era cattiva, rifiutava regali preziosi …

Leggi tutto Le due donne

Il miele della sapienza

Un vecchio saggio un tempo viveva nella borgata di Lou Donn. Si diceva fosse figlio di dei, perché conosceva ciò a cui gli altri uomini non osavano accostarsi: perché il sole tramontasse tutti i giorni, ma poi risorgesse dopo la notte; oppure il motivo per cui gli uomini trovano sempre scuse per fare la guerra …

Leggi tutto Il miele della sapienza

Guerre di religione

A sassate. Finiva sempre così con quelli dall'altra parte del fiume, a sassate. Ci si trovava la domenica mattina, dopo la rispettiva funzione, sul ponte vecchio, quello di pietra che dicevano fosse stato fatto ai tempi in cui Annibale scese con gli elefanti dal passo sulla montagna. Noi di qua, loro di là. "Mira in …

Leggi tutto Guerre di religione

Rêverie di un lombrico

Sono un lombrico. Sono un piccolo, inerme, lombrico della terra. Non ho idee né niente di paragonabile a quelli che voi chiamate sentimenti. Non posso neppure affermare di avere obiettivi o finalità, tanto che la dialettica prede/predatori che vige in buona parte del creato non mi ha mai sfiorato. Sì, certo, ho schivato più volte …

Leggi tutto Rêverie di un lombrico

Isotta e il carbonaio

Guai a chi glielo toccava quell'amore suo. Bello certo non lo era, nero come si ritrovava alla fine di ogni giornata passata a fare il carbonaio lassù in montagna; neppure loquace o simpatico, giacché a sentirlo parlare, con quella sua voce roca e bassa, sembrava un'anima colpita da un tizzone dell'inferno. Eppure lei lo amava, …

Leggi tutto Isotta e il carbonaio

Le foglie morte

Difficile scrivere negli ultimi giorno. Costipazione creativa. Ti guardi intorno e di colpo Lou Donn non è altro che borgata Don, anonima frazioncina di una decine di case a meno di un chilometro dalla tangenziale. La magia invernale sembra sparita. La primavera, con i suoi colori accesi e l'odore fresco di erba tagliata, dovrebbe essere …

Leggi tutto Le foglie morte

Il suonatore

Un tempo viveva a Lou Donn un tale Folchetto, suonatore di ghironda, che intratteneva con la sua musica i popolani gaudenti durante le sagre dei paesi nelle piazze o gli amici e i parenti degli sposi mentre questi erano già saliti a consumare la prima notte di nozze. Quella volta non si sa dove fosse stato …

Leggi tutto Il suonatore