L’amore da lontano – episodio XVIII

Aiguebelle Chi oggi cercasse il castello di Charbonnières, ad Aiguebelle, non ne troverebbe che le rovine: solo qualche osso di quella che era, all'epoca in cui si ambienta la nostra storia, la residenza del conte di Moriana; nonché conte di Savoia, di Aosta e del Vaud e vicario imperiale. Charbonnières, insomma, quando Jaufrè vi giunse …

Leggi tutto L’amore da lontano – episodio XVIII

L’amore da lontano – episodio XVII

In viaggio Fu solo in maggio che la carovana poté mettersi in movimento: i malgari, che dalla bassa valle salivano verso il Moncenisio con le greggi, riferirono che ormai il valico era aperto e già i primi pellegrini provenienti dal versante francese erano giunti all'ospizio al Piano delle fontanette. In un caldo mattino di primavera, …

Leggi tutto L’amore da lontano – episodio XVII

L’amore da lontano – episodio XV

La storia di Vittore Fu solo a Marzo che Jaufrè potè scoprire di più sulla storia di Vittore, il povero figlio di Abbone. La neve già si scioglieva, formando canali  e rigagnoli, titillanti per le note dolci delle gocciole che attraversavano i campi. I viandati ormai si apprestavano a partire: la carovana di mercanti, pellegrini, …

Leggi tutto L’amore da lontano – episodio XV

L’amore da lontano

La storia che segue mi è stata raccontata da una vecchia della borgata. A cui, a sua volta, era stata narrata, quando essa era ancora ragazzina, da un'altra vecchia del paese; e pure questa l'aveva ascoltata da un'anziana di Lou Donn, e così via, a ritroso nel tempo, fino al tempo in cui la vicenda …

Leggi tutto L’amore da lontano

La mossa Kansas city

La mossa Kansas City è quando loro guardano a destra e tu vai a sinistra. Se avete visto Slevin, un film di una decina di anni fa, sapete cos'è la mossa Kansas city. Potremmo definirla una truffa, oppure un diversivo. Fare tutto il contrario di quello che gli altri si aspettano (più precisamente: che aspettano …

Leggi tutto La mossa Kansas city

L’amico-coltellino svizzero.

Un venerdì sera come un altro. Fuori l'unico lampione della borgata sta spargendo la sua luce, così la borgata sembra una bambina di quattrocento anni che arrossisce di fronte ad un complimento. I soliti rumori del bosco arrivano repentini e cigolanti, come chiavistelli estratti da toppe troppo piccole e arrugginite. Se, come gufi, sorvolate Lou …

Leggi tutto L’amico-coltellino svizzero.

Il mondo concentrico

Chi vive in città è abituato ad un mondo di linee rette, un mondo squadrato di cardi e decumani che si incrociano ma poi tirano dritto, ciascuno per la sua strada. Vie precise come proiettili che trapassano la carne, vie come rotaie che svaniscono lunghe là dove sorge il sole, ad Oriente. Come la Transiberiana …

Leggi tutto Il mondo concentrico