C’est la vie

Ogni partenza è l'inseguimento di un sogno. Questo verdetto, universalmente valido, lo era ancora di più per Enzo, quando si mise in testa di emigrare in Costa azzurra, trasferendo l'intera famiglia: la moglie Jolanda con il gatto nella gabbietta e i tre figli. Si dice inseguire un sogno, ma in realtà si sa che la …

Leggi tutto C’est la vie

C’eravamo tanto amati

A Nicola Oltre il ponte. Capitolo I La trama è semplice, scontata, ripetitiva. Lui è uno come tanti, insicuro, ma bravo a mascherare la sua fragilità dietro una foglia di tenebra; cosa che gli dà un certo qual fascino da misterioso che lo fa piacere alle ragazze di città. Così si compiace di ciò e …

Leggi tutto C’eravamo tanto amati

Il Francese e il Conte

Lo si vedeva passare ogni mattina, quel baffone di Rino, con la sua lampada ad acetilene in mano e il giacchetto in fustagno aperto a mettere in mostra panciotto e camicia, quasi fosse uno splendido padrone salito a dar ordini ai suoi manovali; e invece era un minatore, Rino, e quella camicia di cui sembrava …

Leggi tutto Il Francese e il Conte

Diario di guerra

Lo scopo della letteratura è trasformare il sangue in inchiostro (T.S. Eliot) Capitolo I: Massimo Coisson a sua madre Monte Vodice, 10 giugno Amatissima mamma, ti scrivo in risposta alla tua dopo un'intera giornata di dolore e sangue. Gli Austriaci hanno iniziato il contrattacco, sferrando maligni colpi alle nostre postazioni. Da due giorni nuvole di …

Leggi tutto Diario di guerra

Il 9 giugno 1456

La strega che viveva nel tugurio sulla vetta della montagna lo aveva previsto quando ancora la terra era sotterrata da una fitta coltre di neve ghiacciata: "Passerà la cometa e porterà sventura. Armatevi, proteggete le greggi e chiudete le bocche ai piccoli, ché non piangano facendovi scoprire. Pregate, pregate il Dio in cui credete di …

Leggi tutto Il 9 giugno 1456

L’amore di Ludovico

Fu solo davanti a quello specchio prezioso importato da Costantinopoli e incorniciato da avorio luccicante che Ludovico potè scorgere nelle proprie forme nude quanto fosse bello; quanto, cioè, quel viso paffuto, quelle braccia voluminose e muscolose e quel ventro grasso ricoperto di una peluria placida e umida per il bagno appena fatto lo rendessero attraente …

Leggi tutto L’amore di Ludovico