Posi ed io. Cioè tre motivi per cui in pubblico ci imbarazziamo.

Ciascuno dei nove gatti che vivono con noi ha peculiarità caratteriali, atteggiamenti e fissazioni particolari. Posi è probabilmente la più schiva. Quando ti intercetta mentre scendi dalla scala che dalla camera da letto conduce al piano inferiore, pretende coccole e attenzioni, salvo poi scomparire per ore rintanandosi in giacigli improvvisati -maglioni raggomitolati, cuscini ammonticchiati- che dopo qualche giorno dimentica e sostituisce con altre tane.

Posi è come me. Se la osservi nelle sue attività solitarie capisci che è a suo agio. Ma, quando è costretta ad essere una dei nove, finisce per essere impacciata.

La presenza degli altri

La semplice presenza di altre persone (nel caso di Posi, di altri gatti) influenza le nostre prestazioni. Ormai un secolo fa fu lo psicologo sociale Floyd Allport a dimostrare l’effetto di facilitazione sociale: quando dobbiamo eseguire compiti facili che conosciamo bene, la presenza degli altri incrementa le motivazioni a svolgere le azioni, di conseguenza l’esecuzione migliora. Se invece il compito è difficile o consiste in un’operazione che abbiamo appreso male, allora le prestazioni peggiorano, fino all’inibizione.

Tre teorie per cui io, Posi e qualcuno di voi peggioriamo in presenza di altri

  1. La discrepanza del sé: ognuno di noi cerca di adeguare le proprie reali prestazioni al modo ideale in cui vorrebbe svolgerle. Quando la discrepanza è troppo grande, perché l’ideale è difficilmente raggiungibile, la prestazione crolla. Quindi bisogna darsi obiettivi semplici.
  2. La meta-analisi: di fronte ad un compito difficile, prevediamo già di commettere errori; l’ansia sale, creando imbarazzo. E l’imbarazzo ammazza la prestazione. Un po’ di ottimismo non guasta.
  3. L’attenzione limitata: la presenza di altri ci distrae; nessun problema quando dobbiamo fare operazioni facili, che prevedono di tenere sotto controllo poche questioni, ma i compiti difficili necessitano di attenzione massima ed ecco che il pubblico diventa un distrattore troppo grande. Le cose importanti vanno fatte al massimo della concentrazione.

Posi è troppo ansiosa e riservata per farsi fotografare (tutte le sue foto si limitano a alla sua schiena nera arrotolata su se stessa). Al suo posto, sua madre, sua sorella e Thor.IMG_20180225_120221473.jpg

3 pensieri su “Posi ed io. Cioè tre motivi per cui in pubblico ci imbarazziamo.

  1. Anna

    Sei un mito…. hai analizzato la situazione,trovato i problemi e le possibili soluzioni….
    Un po’ di impegno e allenamento e farai furori anche nelle situazioni più difficili..
    Basterebbe pensarci quando serve🤔

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...