Megattere, pini e altri casini

Megattere

Bergère emette ultrasuoni e versi simili a quelli delle balene. Alla mattina soprattutto. E quando in borgata è presente il cagnolino di Paolo e Maria (o meglio, di loro figlio). Probabilmente le megattere capiranno il linguaggio segreto di Bergère; forse anche gli altri cani e magari qualche altra specie. Noi no. Così i suoi versi acuti sono particolarmente fastidiosi. Poi lei si avvicina e ti lecca la faccia. Così la perdoni e, come se fosse niente, te la ritrovi a dormire in fianco.

Pini

Un paio di settimana fa, ad Ostana, Fredo Valla mi ha impartito una lezione più significativa di quelle di molti docenti universitari.

Ad intervista finita, mi ha accompagnato sulla sua veranda. Abbiamo chiacchierato per qualche minuto: mi ha parlato del suo progetto, Bogre, su catari occitani e bogomili bulgari nel medioevo e della montagna. Poi mi ha mostrato un filare di pini, piantati sul crinale della collina di fronte a casa sua. Mi ha spiegato la storia di quei pini: un genovese, salito in montagna a vivere, ha voluto dare un tocco montanaro alla montagna (le ridondanze sono volute), importando dei pini, per niente autoctoni della zona. Ecco, diceva Fredo, chi arriva in montagna deve ascoltare e imparare, non pretendere di avere la verità in tasca e dettarla dalla cattedra ai poveri montanari. Soprattutto, la montagna non va cambiata, va capita. Le lezioni, più sono buone, più sedimentano. Due settimane sono state appena sufficienti per iniziare a ragionare sulle sue parole: ha ragione Fredo.

Noi, durante questo inverno, abbiamo ascoltato e imparato.

Altri casini

Il termine “casini” è un’esagerazione, lo so. Si riferisce al fatto che oggi ho iniziato l’operazione di rivitalizzazione del giardino. Ce ne vorrà. La realtà è che dedicherei più tempo al giardino, ai fiori, agli alberi se non avessi questa tesi di laurea di traverso.

Prometto che quando finirò questa disarmante avventura universitaria recupererò il tempo e il pollice verde perduto.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...