Con l’acqua alla gola

Con l’acqua alla gola non puoi far altro che pensare alla prossima boccata, al prossimo movimento. Non c’è progettualità, non c’è futuro. Guardi il passo seguente e, già, sembra una prospettiva.

La comodità è prevedibilità. Avere tutto sotto controllo consente di guardare oltre. Il futuro esiste solo potendolo plasmare secondo le proprie aspettative. Ecco perché le persone si affannano a sconfiggere l’imprevedibilità.

Avere l’acqua alla gola per noi è una costante, la nostra prevedibilità di montagna. Rimandiamo i progetti per il futuro alla primavera. Intanto ci godiamo il gelo artico.

Avere l’acqua invece sarebbe buona cosa.

Messaggi contraddittori:

  • Spacchettare gli impegni in piccolissime operazioni da affrontare una alla volta è utile, moltiplica a dismisura l’impressione di riuscire a conseguire i propri obbiettivi. Come quando cammini in salita, senza guardare la vetta, ma solo la misura che separa il tuo piede dall’orma che stai per lasciare sulla neve. Diecimila piccoli successi.
  • L’acqua alla gola è una mossa politica quando la inculchi agli altri. Strategia della tensione per rendere le persone più malleabili, controllabili, prevedibili. L’inverno è un dittatore che ha una comunicazione efficace. (Grazie a Gipi per lo spunto)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...