Il gorilla di montagna

Elena sta preparando una presentazione sui bonobo. Con qualche difficoltà, perché il materiale scientifico in rete è scarso ed ovviamente tutto in inglese. Il libro di Frans De Waal, La scimmia dentro di noi, è imprescindibile per studiare questi piccoli primati, fratelli degli scimpanzé e nostri cugini.

Piccolo prontuario di primatologia a cura di Elena: De Waal sostiene che nel loro comportamento sociale, nei loro atteggiamenti empatici ed altruistici, nonché nella loro esuberanza sessuale, i bonobo siano molto simili agli uomini, tanto che altri scienziati ritengono che andrebbero classificati nel genere homo, anziché pan.

Piccolissimo prontuario di primatologia a cura del sottoscritto: Il genere homo non ha motivo di esistere, dato che non siamo affatto diversi da scimpanzé e gorilla. Quindi ciascuno di noi, anziché homo sapiens, andrebbe riclassificato al massimo come pan sapiens o gorilla sapiens (ma ho il dubbio che tutti gli umani abbiano diritto alla qualifica di sapiens).

Ho prove scientifiche rilevanti per sostenere la mia tesi.

  1. Stamattina sono andato a Torino in treno. Il ragazzo davanti a me, sulla trentina, capelli lunghi ed incolti, grosso zaino Salewa di chi la sa lunga sulla montagna e i suoi pericoli, fissava il vuoto di nebbia dal finestrino. Poi d’un tratto si è alzato, si è appeso alla barra appendioggetti sopra i sedili del vagone, ha fatto qualche flessione, sbuffando e ansimando come un gorilla di montagna (il che spiega forse lo zaino Salewa); poi si è riseduto a guardare il panorama della pianura che separa Pinerolo dalla metropoli. Così per due o tre volte.
  2. Prima di partire per Torino, mentre mi vestivo di fretta, ho scorto dalla finestra della camera un gattone nero che saliva in montagna. Non è la prima volta che si fa vedere da queste parti, forse attirato dall’alta percentuale di gatti neri che abbiamo importato a Lou Donn. Oggi pomeriggio, casualmente ho rivisto il gatto nero nel piazzale, così ho pensato bene di scendere a salutarlo. Nell’avvicinarmi ho scoperto che si trattava, invece, di una delle nostre gattine, Lilith, che aveva preso la via della fuga approfittando di qualche nostra distrazione. Temendo che la riportassi a casa subito, Lilith è fuggita su per la montagna, costringendomi a rincorrerla su quel tappeto di mezzo metro di foglie umide, fino a quando, trovandosi ormai sulla riva del ruscello, ha iniziato ad arrampicarsi su un giovane castagno stecchito dall’autunno. Ho così fatto emergere la scimmia dentro di me, balzando a metà albero e arraffando la gatta; poi, ciondolando in posizione semieretta sono tornato a casa. Per merenda ho mangiato una banana, ma Francesco mi ha ammonito: tu scimmia, uh uh ah ah.
bonobo
Bonobo

2 pensieri su “Il gorilla di montagna

  1. Pingback: Il topo di montagna – Vita a Lou Don

  2. Pingback: Un vicino di casa – Vita a Lou Don

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...