Cum grano salis

Una delle grandi doti della lingua latina è quella di avere una parola, un'espressione, un motto per indicare qualunque aspetto della vita, umana e divina: si tratta a volte di locuzioni e parole che devono la loro fama alla rilevanza letteraria dei loro creatori, i grandi classici della letteratura latina; a volte invece tali modi …

Leggi tutto Cum grano salis

L’olivo di Natale

Il freddo punge. Chi vive in montagna da più tempo e con più esperienza di noi troverà banale questa affermazione; anzi, pensando che non siamo neppure a Dicembre, qualcuno potrebbe farsi due risate: chissà che diremo tra qualche settimana. Ma forse ci saremo abituati a questa agopuntura che ti trafigge le estremità vaporizzandoti le ossa, …

Leggi tutto L’olivo di Natale

Blacatz, Pistoleta e Sordelh

Un tempo, quando Lou Donn era ancora sottoposta all'autorità dei monaci benedettini dell'Abbadia e la gente del posto parlava solo il volgare occitano, viveva in una delle case più grandi della borgata un certo Blacatz. Questi, generoso, affabile e amabile, possedeva un bel pezzo di terra in montagna, che lavorava con alacrità insieme alla sua …

Leggi tutto Blacatz, Pistoleta e Sordelh

Primosale

Questo post avrebbe dovuto narrare di come oggi, in seguito al crollo delle temperature notturne, sono andato all'ipermercato a comprare un saccone di sale da stendere su un paio di tornanti per prevenire la formazione di ghiaccio e di come, sospinto dal gioco verbale e mentale tra il primo sale della stagione steso sull'asfalto della …

Leggi tutto Primosale

Simba e Pumbaa

Giornata movimentata dalla fuga di Junior. Di ritorno da una escursione ad una delle borgate fantasma che puntellano la montagna, il suddetto Junior, evidentemente offeso per le recenti rampogne dovute ai suoi sempre più frequenti disastri a quattro zampe, ha pensato bene di fare marcia indietro non appena rientrato in giardino e partirsene verso chissà …

Leggi tutto Simba e Pumbaa

Esculapio e Montale

Giornata di visite. Ci sono le visite che ti abbracciano nel corpo e quelle che ti abbracciano la mente. Con noi oggi ci sono Paola e Luca, che attendevamo da tempo, soprattutto Franci, che non aspettava altro che rivedere sua nonna. A preannunciare il loro arrivo la visione di un bel saettone, un serpente di …

Leggi tutto Esculapio e Montale

Il treno della fine del mondo

C'è una linea ferroviaria che ha il nome suggestivo di "treno della fine del mondo": è una tratta - oggi turistica - di 8 km a Ovest di Ushuaia, la città argentina più a Sud del globo (da qui il nome evocativo della ferrovia). Un tempo desideravo andare a vivere a Buenos Aires, in Patagonia …

Leggi tutto Il treno della fine del mondo

Preghiera in Novembre

C'è un esercizio mentale che mi porto dietro da quando ero ragazzino, ma che, praticamente, non ho mai smesso di fare: è la domanda "e se morissi ora?". Il giochino, infantile e narcisistico all'inizio, negli anni si è trasformato in una sorta di revisione dei conti e, talvolta, in un bilancio di previsione, personale e …

Leggi tutto Preghiera in Novembre

Favola della faina e del lupo cattivo

C'era una volta una faina scaltra che tutte le sere spiava dalla finestrella della sua baracca gli umani che abitavano in una casetta proprio vicino alla sua. Non appena gli uomini salivano nelle stanze superiori per coricarsi, la faina si avvicinava di soppiatto alla casa, attirata dal tepore che sentiva sprigionarsi da quelle mura e …

Leggi tutto Favola della faina e del lupo cattivo

Capitolo XI. Il Provinciale nella Gran Città

Immaginate la provincia più estrema dell'Impero romano, la satrapia più esotica tra quelle rette dal Gran Re di Persia o la marca più dispersa dell'impero di Carlo Magno. In quelle lande desolate troverete il provinciale. Costui, come tipo umano, non varia nello spazio o nel tempo. Lou Don è il punto più marginale dell'impalpabile impero …

Leggi tutto Capitolo XI. Il Provinciale nella Gran Città