Prelavaggio

Prendete un insegnante di provincia e la sua compagna zoonoma. Prendete il loro figlio, nato bresciano bassaiolo, ma destinato suo malgrado a crescere valligiano piemontese. Considerate l’irrequietudine, l’apatia e una certa dose di asocialità. Poi prendete una borgata semiabbandonata tra i monti della Val Chisone, una casa del XVIII secolo (qui casa sta per ex fienile, non per signorile abitazione storica), una miniera abbandonata ed una strada scalcinata. Lasciate tutto in ammollo per qualche mese, il tempo necessario per rimuovere quelle macchie di dubbio su una scelta istintiva quanto folle.

Poi fate partire la lavatrice.

IMG_20171118_213242393.jpg

Fatelo voi, perché a noi la lavatrice non si avvia, perché la nostra acqua scende dal ruscello, è calcarea e sabbiosa e probabilmente non ha neppure la giusta pressione.

 

 

2 pensieri su “Prelavaggio

  1. Loredana

    Vi seguo. Avete fatto una scelta coraggiosa e vi ammiro. Io sono nata in montagna. Fino all’eta’ di 16/17 anni sono tornata in vacanza nella vecchia casa della nonna, nonostante mio padre avesse nel frattempo aggiustato una casa in paese. Nonostante siano passati ormai tanti anni i ricordi di quelle estati sono sempre vivi. Presenti. Abbiamo un piccolo appartamento a Pragelato. Per fortuna non in un palazzo. Non e’ comunque la stessa cosa. Ciao

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...